TREND

AI ed HR: quali implicazioni sociali ed etiche nell’era del decision-making automatizzato?



Indirizzo copiato

L’Intelligenza Artificiale promette di portare molti vantaggi nell’area Risorse Umane, ma la sua adozione rappresenta una sfida profonda che coinvolge cultura, valori e comportamenti umani. Sarà decisiva l’armonizzazione di persone e tecnologie

Pubblicato il 3 apr 2024

Veronica Franco

Digital Marketing Specialist, Digital Attitude



Sfide-AI-HR

L’Intelligenza Artificiale (IA) ha assunto un ruolo di primo piano nel contesto delle risorse umane, ridefinendo radicalmente lo Human Capital Management. L’AI in ambito HR promette di trasformare i processi decisionali offrendo un ventaglio di opportunità che sembrano migliorare di gran lunga la produttività quotidiana.

Tuttavia, dietro il velo dell’efficienza offerta sorgono diverse domande cruciali riguardo alle implicazioni sociali ed etiche: l’adozione dell’Intelligenza Artificiale, infatti, non è solo una questione di implementazione tecnologica e tecnica, ma anche, e probabilmente soprattutto, una sfida profonda che coinvolge cultura, valori e comportamenti umani. Non si tratta solo di introdurre nuovi strumenti e sistemi, e imparare a usarli, ma ci si trova in realtà davanti a una trasformazione più ampia che impatta le dinamiche organizzative e delle relazioni tra individui e tecnologia. Solo attraverso questo approccio che guarda all’armonizzazione tra persone e tecnologie sarà possibile vincere le sfide che l’IA ci pone.

Le sfide etiche nell’adozione dell’AI nel contesto HR

Non stupisce quindi che si presentino all’orizzonte anche delle sfide di carattere etico che caratterizzano il binomio AI – HR. Eccone alcune:

  1. Bias e pregiudizi: gli algoritmi di Artificial Intelligence possono contenere bias e pregiudizi impliciti, riflettendo le disuguaglianze presenti nella società. Questi bias possono perpetuare, ad esempio, disparità di genere nei processi decisionali HR, compromettendo l’equità e la diversità organizzativa.
  2. Trasparenza e accountability: la poca conoscenza del funzionamento dei modelli di AI può minare la fiducia dei dipendenti e dei candidati in un processo di selezione. Senza una chiara comprensione di come vengono prese le decisioni, quali dati vengono utilizzati e che tipo di processi vi sono dietro l’Intelligenza Artificiale, le persone possono sentirsi soggette a un potere decisionale che non può essere messo in discussione.
  3. Privacy e sicurezza dei dati: le funzioni HR possono aver accesso ai dati sensibili dei dipendenti. Soprattutto nel caso di analisi che utilizzano queste informazioni processandole con l’Intelligenza Artificiale possono sorgere preoccupazioni riguardo alla privacy e alla sicurezza.
  4. Impatto sul futuro del lavoro: l’automazione alimentata dall’AI solleva interrogativi sul futuro del lavoro umano. Mentre la tecnologia promette efficienza e riduzione dei costi, essa può anche minare la soddisfazione lavorativa e la realizzazione personale, mettendo a rischio la relazione tra individuo e lavoro oppure creare emozioni di paura e sconforto in merito al proprio futuro lavorativo.

Linee Guida per Garantire Equità e Trasparenza

Per garantire equità e trasparenza si possono seguire delle linee guida soprattutto nel caso di processi decisionali che potrebbero essere automatizzati:

  1. Redigere audit etici e valutazione dell’impatto: le organizzazioni devono condurre regolari audit etici per individuare e correggere bias algoritmici nei loro sistemi. Inoltre, devono valutare l’impatto sociale e individuale delle loro decisioni, soprattutto se automatizzate, all’interno del contesto lavorativo.
  2. Comunicare in modo trasparente: le aziende devono impegnarsi a rendere trasparenti i processi, fornendo spiegazioni chiare e accessibili su come vengono prese le decisioni e quali criteri vengono utilizzati. Comunicare apertamente quali modelli e meccanismi sono sottesi quando vengono utilizzate modalità di decision-making automatizzato basato sull’IA. Allo stesso modo è necessario adottare tutte le procedure, e comunicarle chiaramente, in merito alla privacy e sicurezza dei dati personali.
  3. Focus sulla Diversity & Inclusion: per ovviare anche ai problemi dei bias algoritmici e all’impatto sulle persone è necessario promuovere attivamente la diversità e l’inclusione monitorando e correggendo celermente eventuali disparità di trattamento o accesso alle opportunità.
  4. Awareness ed engagement delle persone: le organizzazioni devono coinvolgere attivamente i dipendenti nel processo decisionale sull’adozione dell’AI, assicurandosi che comprendano i rischi e i benefici della tecnologia e abbiano la possibilità di esprimere le loro preoccupazioni, anche attraverso degli emotional radar che aiutino ad individuare potenziali pain points nell’utilizzo di questi strumenti e il rapporto che si crea con essi.

L’adozione dell’IA: una sfida culturale e comportamentale

Tutte queste implicazioni etiche e sociali dell’adozione dell’Intelligenza Artificiale rappresenta una significativa sfida culturale e comportamentale. Modificare i processi consolidati e le pratiche lavorative richiede un profondo cambiamento nel mindset e nei comportamenti delle persone: si tratta di portare le persone ad adottare nuovi comportamenti che abbiano un impatto concreto sull’employee experience, sperimentandone una trasformazione.

Quindi, le organizzazioni devono investire nella formazione e nello sviluppo delle competenze necessarie per utilizzare efficacemente l’IA, anche da tutti questi punti di vista coinvolgendo l’intera popolazione aziendale. È essenziale creare una vera e propria cultura del change che promuova l’apertura al cambiamento, l’adattabilità e la volontà di sperimentare nuove tecnologie: non solo una semplice promozione della consapevolezza e delle capacità di usare un determinato strumento, ma un’azione sul mindset delle persone che porti a strutturare comportamenti duraturi nel tempo.

Le organizzazioni che riusciranno ad affrontare con successo questa sfida non solo saranno in grado di sfruttare appieno il potenziale dell’AI, ma anche di creare ambienti di lavoro più dinamici, inclusivi e innovativi.

Articoli correlati

Articolo 1 di 4